novembre 29 2017 0Comment

La battaglia della Somme (1916)

La battaglia della Somme fu un’imponente serie di attacchi lanciati dagli anglo-francesi il 1º luglio del 1916 nella zona della Francia attraversata dal fiume Somme (Piccardia).

Alla conferenza di Chantilly, nel dicembre del 1915, il capo di stato maggiore dell’esercito francese Joseph Joffre convinse i britannici a lanciare nell’estate successiva un’offensiva congiunta anglo-francese presso il fiume Somme allo scopo di rompere la pressione tedesca sulla città di Verdun.

L’offensiva si svolse con un massiccio attacco di fanteria che avrebbe dovuto creare, secondo i piani degli Alleati, le condizioni favorevoli per una rapida avanzata della cavalleria e, forse, per la vittoria definitiva. La battaglia, voluta fortemente dalla Francia per contenere la spinta tedesca a Verdun, dimostrò al tempo stesso la caparbietà e l’impreparazione tattico-strategica con cui lo Stato Maggiore britannico affrontò l’offensiva.
Solo nel primo giorno di avanzata, la British Expeditionary Force (BEF) contò 20.000 morti e 40.000 feriti; fu il giorno più sanguinoso per l’esercito inglese. I tedeschi, nonostante una settimana di bombardamento, ressero molto bene l’attacco protetti nei loro rifugi sotterranei (“stollen”). Ben presto lo scontro si trasforma in un estenuante, insensata battaglia di logoramento. Svanita l’illusione di una rapida avanzata, il fronte della Somme ebbe il compito di distogliere le truppe tedesche da Verdun. Per contrastare la fanteria anglo-francese, l’esercito tedesco sviluppò una forma di difesa flessibile composta da una massiccia linea fortificata nelle retrovie. Nel frattempo, però, gli inglesi avevano dato inizio a un’offensiva nel settore di Flers Courcelette, impiegando per la prima volta i carri armati, all’inizio lenti e goffi scatoloni corazzati destinati a divenire terribili mezzi di sfondamento nella seconda guerra mondiale. Con l’autunno il campo di battaglia e le trincee divennero un immenso pantano che rese impossibile ogni ulteriore attività bellica.

« La pioggia fu torrenziale e il campo di battaglia si trasformò in un mare di fango. Alcuni uomini morirono per la fatica nel portare i messaggi da un punto all’altro »
(Generale Edmonds)

L’ultima fase della battaglia finale terminò il 19 novembre.
La battaglia della Somme, secondo le parole di un ufficiale tedesco, fu «La tomba di fango del vecchio Esercito Prussiano»; tuttavia anche gli Alleati pagarono a caro prezzo, in termini di uomini e mezzi, una vittoria che fece guadagnare loro solo pochi chilometri di territorio. Con 620.000 perdite tra francesi e inglesi, contro i 450.000 tra le file tedesche quella della Somme fu il più grave spargimento di sangue.

«Somme. L’intera storia del mondo non può contenere una parola più spaventosa».
(Friedrich Steinbrecher)

admin

Scrivi un commento o una risposta