Categoria: La storia

La Triplice Intesa

La Triplice Intesa fu un sistema di accordi politico-militari tra Francia, Russia e Gran Bretagna stipulati tra la fine dell’Ottocento e il primo decennio del Novecento, che contribuì a definire il complesso sistema di alleanze alla vigilia della Prima Guerra Mondiale. A differenza della Triplice Alleanza, la Triplice Intesa fu piuttosto una rete di singoli

L’affondamento dell’RMS Lusitania

L’RMS Lusitania, transatlantico britannico in servizio agli inizi del Novecento e di proprietà della compagnia Cunard Line, venne affondato nel 1915 dal sommergibile tedesco U-20. Costruito nei cantieri navali della Scozia, venne varato il 7 giugno del 1906 mentre il gemello Mauretania era ancora in fase di costruzione. Lungo circa 240 metri e largo circa

1916: i gas austriaci sul San Michele

Dopo la Quinta battaglia dell’’Isonzo, sul Monte San Michele era continuata l’opera di sgretolamento delle difese austro-ungariche da parte della 3ª Armata del Regio Esercito Italiano. Ormai le due linee erano molto vicine e la superiorità degli armamenti italiani aveva creato una situazione insostenibile per la 5ª Armata austro-ungarica del generale Svetozar Borojević. Pertanto iniziarono,

FORTE “LEONE”: UN NOME BEN MERITATO

8 AGOSTO 1982 COLLOCAZIONE DI UNA BANDIERA NAZIONALE A MEMORIA DELLA EROICA RESISTENZA DEL BTG. ALPINO ″M. PAVIONE″ CHE NEI GIORNI 11 E 12 NOVEMBRE 1917 TRATTENNE DA SOLO DUE BRIGATE AUSTRIACHE PERMETTENDO COSÌ AL XVIII° CORPO D’ARMATA DI RITIRARSI SENZA PERDITE ED ATTESTARSI PER LA PRIMA PROVVIDENZIALE DIFESA DEL GRAPPA A cura delle sezioni

Così settemila soldati italiani morirono soffocati dai gas

Un ricordo per i caduti sul San Michele nell’ultimo giorno della mostra dedicata al poeta Giuseppe Ungaretti e all’Albero isolato a San Martino del Carso di LUCIO FABI «Glielo ripeto, caro professore, non è assolutamente vero, come dice la propaganda italiana, che gli ungheresi finivano i soldati italiani intossicati dal gas con le mazze ferrate.

26 giugno 1917

"Alle 12.10 il Capo ritorna da S.Jean de Maurienne e trova la notizia che l'Ortigara è stata veramente perduta: sono in corso, dice l'ultimo telegramma, nostri contrattacchi per riprenderla. Il che, per uno che se ne intende, significa che, per ora, l'Ortigara è perduta. Era prevedibile. Rileggo ciò che ho scritto 7 giorni fa. Sul

La tregua di Natale del 1914

Con questa espressione si intende una serie di ‘cessate il fuoco’ non ufficiali avvenuti in varie zone del fronte occidentale nei giorni attorno al Natale del 1914. Già nella settimana precedente il Natale vennero intraprese diverse iniziative a favore della pace. Una Open Christmas Letter ("Lettera aperta di Natale") fu pubblicamente sottoscritta da un gruppo

L’inizio della Grande Guerra: l’attentato di Sarajevo

L’attentato di Sarajevo (dalla Domenica del Corriere) L'attentato di Sarajevo fu la miccia che fece scoppiare la Prima guerra mondiale. Il 28 giugno del 1914, l'arciduca Francesco Ferdinando, erede al trono d'Austria-Ungheria e sua moglie Sofia, mentre percorrevano in automobile le strade di Sarajevo in mezzo a due ali di folla, durante una visita ufficiale,

Vivere in trincea

Come si viveva nelle trincee della Grande Guerra quando le armi tacevano e non si combatteva? Che equipaggiamento avevano i nostri soldati e cosa mangiavano? Le dure regole della disciplina imposte quali erano? A queste e a molte altre domande cercherò di rispondere in quest’articolo descrivendo ogni aspetto quasi come se fossi presente sul campo.

Il ‘Sangue dei vinti’

Il ” sangue dei vinti ” alla fine della prima guerra mondiale in Trentino. Un capitolo tutto da approfondire. di Lorenzo Baratter E’ noto che la fine di ogni guerra comporta soprusi orrendi contro gli sconfitti. E’ il tragico e disumano rito del “sangue dei vinti”. Al termine della prima guerra mondiale qualcosa di simile