Volete pubblicare un Vostro articolo sul nostro portale?

Gli ultimi articoli

EVENTI E NEWS

Chi siamo

Memoria – Tradizione – Ricerca

Il Centro Studio sulla Grande Guerra ‘Forte Leone’ nasce dall’unione di diversi studiosi e ricercatori storici appassionati del periodo bellico della Grande Guerra 1914-1918. Lo scopo è quello di creare online un archivio storico documentale di tutto quello che concerne il primo conflitto mondiale, armi, battaglie, protagonisti, fatti storici.

Il forte Leone

Ultimi articoli

La Triplice Intesa
In bocca al lupo
Erich von Falkenhayn
Il Sacrario di Redipuglia

Testimonianze di guerra

Ogni palmo di terra ci ricordava un combattimento o la tomba di un compagno caduto. Non avevamo fatto altro che conquistare trincee, trincee e trincee. Dopo quella dei “gatti rossi”, era venuta quella dei “gatti neri”, poi quella dei “gatti verdi”. Ma la situazione era sempre la stessa. Presa una trincea, bisognava conquistarne un’altra.
Emilio Lussu

L’assalto! Dove si andava? Si abbandonavano i ripari e si usciva. Dove? Le mitragliatrici, tutte, sdraiate sul ventre imbottito di cartucce, ci aspettavano.
Chi non ha conosciuto quegli istanti, non ha conosciuto la guerra.
Emilio Lussu

Si sta come d’autunno sugli alberi le foglie.
Giuseppe Ungaretti – Luglio 1918

Tutti eroi! O il Piave o tutti accoppati!
Frase trovata su un muro a Fagarè del Piave

Quando volo al di sopra delle trincee fortificate e i soldati gridano di gioia vedendomi e io guardo le loro facce grigie, consumate dalla fame, dalla mancanza di sonno e dalla battaglia, allora sono felice e mi rallegro. Dovresti vederli; spesso dimenticano il pericolo, saltano sulla tettoia sventolano i fucili e mi salutano. Questa è la mia ricompensa, madre, la mia ricompensa più bella.
Manfred Albrecht von Richthofen

Li ho visti i ragazzi del ’99. Andavano in prima linea cantando. Li ho visti tornare in esigua schiera. Cantavano ancora.
Armando Vittorio Diaz

Non si dicono mai tante bugie quante se ne dicono prima delle elezioni, durante una guerra e dopo la caccia.
Otto Eduard Leopold von Bismarck-Schönhausen